Il Castello

Castelli Calepio sorge ai margini della provincia bergamasca ed è fiancheggiato dal fiume Oglio che giunge dal vicinissimo lago d’Iseo. Castelli Calepio gode delle variegate forme naturali che contraddistinguono la valle fluviale in cui è racchiuso: colline soleggiate, terreni fertili, boschi e vigneti fanno da cornice a sguardi suggestivi sul paesaggio e sulle importanti testimonianze storiche e artistiche presenti. Accanto a una competitiva industria del settore terziario sopravvive il rapporto tra passato e presente, in particolar modo nella produzione dei pregiati vini D.O.C. Valcalepio e riserve. I luoghi ricchi di fascino sono vari e vicini al pubblico.
Attraversando il suggestivo borgo antico di Calepio, comodamente raggiunto dalla SP.91, si scopre il Castello dei Conti Calepio. In luogo di insediamenti e strutture già esistenti da molto tempo, nel 1430 il Conte Trussardo realizza l’opera, strategicamente significativa, che vede le sue gesta nella guerra tra milanesi e veneziani, quale signore del luogo e brillante condottiero. Per i meriti a favore della Repubblica di Venezia, con la quale si era schierato, il conte Trussardo riceve il beneficio feudale sul territorio che ancora oggi porta il suo nome: Valle Calepio.
Il figlio di Trussardo, Ambrogio, frate Agostiniano ed umanista, darà alle stampe nel 1502 il “Calepino”, il famoso Dictionarium latinum stimato e diffuso ben oltre i confini italiani. Altri discendenti si distingueranno nelle cariche sociali e per l’impegno intellettuale.
Il maniero verrà trasformato da guarnigione militare in elegante residenza signorile. Oggi traspare solo in parte la severità del baluardo difensivo. Negli ambienti interni si apprezzano belle stanze decorate con opere pittoriche e pregevoli stucchi a cui hanno lavorato noti artisti dell’epoca e altre suppellettili di buona fattura. La sala dei fiori stupisce per la luminosità dei colori che rendono vive le tante specie floreali che l’animano e che precedono l’elegante scala a ventaglio da cui si accede al terrazzo-giardino, affacciato sulla valle, da cui si gode un magnifico orizzonte: la stessa veduta che da un’altra sala si confonde con gli affreschi di vegetazione che circondano lo spettatore, in un connubio tra realtà e immaginazione.
Altre dimore, castelli, ville moderne, edifici civili e religiosi degni di nota spiccano nel circondario del castello dei Conti Calepio, stimolando il turista a vivere un’esperienza di arte, storia, natura e gusto!

Orari di Visita

La Fondazione Conti Calepio custodisce e consente al pubblico di ammirare il Castello dei Conti Calepio con un proprio Rappresentante incaricato. Le aperture al pubblico vengono stabilite di volta in volta e segnalate nella sezione News.

Il Castello è inoltre disponibile ad accogliere iniziative pubbliche e private.

Per maggiori informazioni si prega di contattare il Responsabile Castello.